sabato 13 febbraio 2010

Profiteroles

profiteroles


Le manine sporche di cioccolato che affondano nei bignè e lo sguardo rapito di una principessina dagli occhi blu che chiede il bis, mi hanno convinto a scegliere questo dolce per partecipare al Contest organizzato da Deleciously. I due "grandi" estimatori del mio Profiteroles, sono i figli della mia amica Cristina, che hanno 2 e 9 anni; e' stato proprio gratificante e divertente vedere la loro reazione e poi, considerata la tenera eta' dell'innocenza, non ho messo in dubbio la loro sincerità ;-))
La ricetta della glassa e' tratta da Small Cakes di Roger Pizey; questo libro gira letteralmente in casa mia da un po' di tempo, nel senso che passa da una stanza all'altra insieme a me, lo sfoglio in continuazione, mi piace troppo. L'idea del Profiteroles mi e' venuta proprio guardando la foto del libro; sognavo quella glassa che scivolava lentamente sui bignè, immaginavo il sapore intenso del cioccolato che si scioglie in bocca...Ogni volta che devo preparare un dolce leggo mille ricette e poi cambio idea mille volte, é un duro lavoro! Ma questa volta sono proprio contenta della mia scelta: trovo che questa glassa sia divina, e' dolce e cremosa al punto giusto, finalmente sono riuscita a decorare il dessert senza che il cioccolato colasse ovunque! Spero piacerà anche a voi :-))

Canzone del giorno: Silly Love Songs....

Pasta choux per i bignè dal libro base del Bimby

250gr acqua
1 pizzico di sale
100gr di burro morbido
150gr di farina 00
4 uova (da 60gr)

Mettere nel boccale l'acqua, il sale e il burro, amalgamare: 10 min. 100° vel. 4. Lasciare terminare la cottura ad apparecchio spento per 10 min. Durante i 10 min mescolare l'impasto a vel. 4 almeno 5 volte. Lasciare raffreddare l'impasto nel boccale, poi aggiungere con lame in movimento a vel. 4 le uova una alla volta, lavorando ancora per altri 30-40 sec. vel. 5. Disporre sulla placca del forno, ricoperta di carta forno, delle palline di pasta della dimensione di una noce, ben distanziate fra loro. Cuocere in forno caldo a 180° per 20 minuti circa.

Per chi non ha il Bimby: Portare ad ebollizione l'acqua, il burro e il sale, togliere dal fuoco e versarvi la farina setacciata. Mescolare con un cucchiaio di legno, rimettere sul fuoco e continuare a mescolare fino a che la pasta si stacca dai bordi della pentola. Mettere l'impasto in una ciotola e lasciarlo raffreddare. Aggiungere le uova uno alla volta e mescolare bene per farle amalgamare.

Per disporre i bignè nella teglia ho usato una sac à poche con il beccuccio tondo e li ho cotti il giorno prima di preparare il dolce. Prima di riempirli di crema, per farli tornare croccanti come appena fatti li ho messi nel forno a 100° per qualche minuto.

Salsa al cioccolato dal libro Small cakes di Roger Pizey

200gr di cioccolato fondente
120ml di latte intero
30ml di panna da montare
30gr di zucchero
30gr di burro

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria. In un pentolino, scaldare il latte con la panna e lo zucchero e versarli nel cioccolato. Aggiungere il burro e mescolare fino a che si sia sciolto.

Crema pasticcera
3 tuorli
75gr fecola
75gr zucchero
500ml latte
1 baccello di vaniglia o scorza di limone

Lavorare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso. Unire la fecola setacciata e amalgamare. Versare il latte caldo, aromatizzato con vaniglia o scorza di limone, mescolando con cura. Portare ad ebollizione, su fuoco dolce, sempre mescolando. Abbassare la fiamma al minimo e cuocere per 3 minuti. Versare in una ciotola, cospargere con poco zucchero e lasciare raffreddare.

Con questa ricetta partecipo al contest organizzato da Deleciously.





For Liverpuddlians and English speaking people everywhere …


Profiteroles

The little hands dirtied, covered with chocolate, dipping into the pastry puffs and the ecstatic look of a young blue-eyed young princess waiting for a second helping. This image is what convinced me to choose this dessert as the dish I will enter in the contest organized by Deleciously.
The two "big" fans of my profiteroles, my friend Cristina’s son and daughter, are 2 and 9 years old. It was gratifying and lovely to see their enthusiastic reaction at such an innocent age:))
The recipe of the chocolate sauce is taken from Small Cakes by Roger Pizey. This book has literally been travelling around my house for a while. What I mean is that I like it so much, I am constantly carrying it around with me from room to room, flipping eagerly through the pages.
The idea of making Profiteroles came to mind when I was looking at a picture in the book. I was daydreaming about dripping chocolate sauce over the dessert, imagining the intense flavour of chocolate melting in my mouth.... Everytime that I have to prepare something, I read thousands of recipes and change my mind thousands of times, but...."hard work pays off"! I'm very happy with my choice: I find this ganache is divine, creamy and sweet -it was just right- and am thankful for the fact that I can easily decorate my dessert without dripping chocolate all over the kitchen! I hope you will like it too :-)

Song of the day: Silly Love Songs.....

For the choux pastry I followed the recipe in a basic book of thermomix:

250 gr water
1 pinch of salt
100gr softned butter
150gr flour
4 eggs (60gr each)

Put water, salt and butter in the cup. Program 10 mins, 100° speed 4. Finish cooking with machine off for 10 more mins. In the meantime, mix at speed 4 for at least 5 times. Let cool in the cup. At speed 4, add the eggs, through the lid, one at a time. Mix for another 30/40 sec at speed 5. If you don't have the machine, bring water, salt and butter to a boiling, remove from heat and sift in the flour. Mix well with a wooden spoon, put the pan on the heat again and continue to stir until the dough begins to detach from the side of the pan. Put it in a bowl and let cool. Add the eggs, one at a time, and mix well. Use a piping bag to form small balls of choux pastry (walnut size), leaving some space between them, on a baking tray covered with baking paper. Cook at 180° for 20 mins.

I prepared the Choux pastries a day in advance, then, before filling them, I put them in the oven at 100° for a few minutes to make sure they don’t soften.

For the chocolate sauce:
200gr 70% cocoa dark chocolate
120ml milk
30ml double cream
30gr caster sugar
30gr unsalted butter

Melt the chocolate over a bain-marie. In a separate pan, heat the milk, cream and sugar. Pour the mixture onto the melted chocolate and mix. Slowly wisk in the butter.

Cream custard
3 egg yolks
75 gr potato flour
75 gr sugar
500ml hot milk
1 vanilla bean or lemon rind



Bring milk and the vanilla bean (or lemon rind) to a boil. Let cool slightly. In the meantime, in a saucepan combine egg yolks and sugar and beat until it turns into a pale yellow colour. Remove the vanilla bean or lemon rind from the milk and gradually whisk it into the egg mixture. Cook over very low heat, stirring constantly, until it reaches a slow boil. Lower the flame to a minimum and continue cooking for 3 minutes. Pour the cream in a bowl, sprinkle with a little sugar and let cool.

Fill the choux pastries with cream custard. Then, form a pyramid pouring the chocolate sauce onto each layer in order to keep the pastries stuck together and to coat even the ones in the middle of the dessert.
Put in the fridge and leave it an hour or so to set.





4 commenti:

Anonimo ha detto...

Buonasera...ma che bellissima e invitante foto...anche se so che non rende come l'originale ma riesce a far venire l'acquolina in bocca, un pò come successe al sindaco 'alfred molina' nel film Chocolat...non resistette alla tentazione di tutto quel cioccolato e ne mangiò tantissimo...posso approfittare del tuo Profiteroles? Baci perugina. Paola da lucca

NIGHTFAIRY ha detto...

Adoro i profiteroles!non smetterei mai di mangiarli!
I tuoi hanno un aspetto super goloso, complimenti!

CalicoSabry ha detto...

Che bello quel film, mi ha fatto venire voglia di fare i cioccolatini, tu sei l'unica ad averli assaggiati e non posso dimenticare il giorno in cui me ne hai parlato pensando che qualcuno li avesse comprati e regalati a tua madre, senza sapere che li avevo fatti io...è stato uno dei più bei complimenti che abbia mai ricevuto! Grazie!

CalicoSabry ha detto...

Nightfairy: è un piacere ricevere le lodi da una maestra del dessert:)) un abbraccio, ora passo a trovarti...