domenica 27 marzo 2016

Torta del Naviglio

Torta del Naviglio 1 IMG_1736


Sul sito Cucina Naturale la chiamano torta, in realtà è un pane farcito.
In uno slancio salutista, insolito nel giorno di Pasqua, ho voluto riprovare una ricetta preparata tanti anni fa.
Ricordo che mi era piaciuta la crema di frutta e nocciole e che, nell'insieme, mi era sembrato un dolce nuovo, diverso da quelli che preparavo di solito.
È un po' come mangiare pane e marmellata, non so se vi piace l'idea, in più c'è il fatto che la marmellata diventa una crema al sapore di pera e nocciola.
Questa è la spiegazione, lo so potrei fare di meglio!
Comunque, volevo aggiungere...il vizio di apportare modifiche alle ricette non mi passerà mai e in questo caso ce ne sono molte quindi, per correttezza metto il link alla ricetta originale, come al solito, per chi volesse consultarla.

Song of the day: I've just seen a face

Torta del Naviglio 3 IMG_1797

Torta del Naviglio 2 IMG_1776

Ricetta

Per farcire
60 g di crema di nocciole
4 pere williams (o mele)
zucchero di canna
cardamomo

Per guarnire
1 cucchiaio di malto d'orzo
20 g di nocciole tostate

Per la pasta
200 g di farina integrale
100 gr di farina bianca
2 cucchiai di malto d'orzo
2 cucchiai di olio di oliva extra vergine
10 g di lievito di birra
1 cucchiaino di sale
150 ml acqua

Preparazione

La ricetta non specifica la quantità di acqua, io ho provato con 180 ml ma erano troppi! Quindi ho dovuto aggiungere un po' di farina. Penso che 150 ml siano sufficienti.
In una ciotola ho sciolto l'acqua con il malto e il miele ed ho lasciato riposare per un quarto d'ora.
Ho aggiunto la farina ed ho lasciato lievitare per un'ora circa, fino a che è raddoppiata di volume.
L'ho tolta dalla ciotola, l'ho impastata delicatamente, giusto per darle la forma tonda e l'ho messa in uno stampo da 18 cm cm di diametro, dai bordi alti.
L'ho lasciata lievitare di nuovo e poi, visto che era tardi l'ho messa in frigo tutta la notte.
Questa mattina l'ho tirata fuori dal frigo, ho aspettato che lievitasse di nuovo e poi l'ho cotta a 180 °C, funzione ventilata per 35 min.
Nella ricetta originale c'è scritto di cuocere a 200 °C per un'ora, per sicurezza ho controllato che fosse cotta con il termometro.
Inoltre si suggerisce di mettere un pentolino d'acqua nel forno durante la cottura, io ho la funzione vapore che ho inserito nella fase di riscaldamento del forno e che ho tolto quando ho inserito la teglia, così mi è stato insegnato ad un corso tempo fa, non so, forse avrei potuto lasciare il vapore ad una bassa intensità.
Ho cotto le pere al microonde con un due o tre cucchiai di acqua per 10 min. Le ho frullate, ho aggiunto dello zucchero di canna, il cardamomo e la pasta di nocciole.
Ho farcito il pane e alla fine ho distribuito il malto sulla parte superiore con il pennello e l'ho decorato con le nocciole e le bacche di Goji.




domenica 19 luglio 2015

Parmesan and poppy seed lollipops di Lorraine Pascale


Parmesan lollipops IMG_1678


Mi piacciono i video di Lorraine Pascale :) quando sono stanca la sera invece di guardare la TV prendo l'Ipad e mi rilasso con le sue ricette di cucina.
Tutto quello che prepara sembra sempre così facile! Così appena ho visto i lollipops sono andata subito a comprare i bastoncini e....al primo tentativo un disastro!
Sono bravissima a demoralizzarmi e ci sono voluti giorni prima che trovassi il coraggio di riprovare. Però...io sapevo dov'era il problema.... Ci voleva solo un bel pezzo di parmigiano da grattugiare al momento, non cedete alla tentazione di usare quello già grattugiato e magari congelato, come ho fatto io! 
Problema risolto. Si preparano veramente in 10 minuti, cottura compresa.
Se avete un po' di tempo guardate anche voi il video della ricetta, è carino! Ecco il link.

Sono of the day: Penny Lane

Ingredienti
olio d'oliva 
80 gr parmigiano grattugiato
1 cucchiaino di semi di sesamo
1 cucchiaino di semi di papavero

Si mescola il parmigiano con i semi di sesamo e di papavero, si passa un velo di olio d'oliva sulla carta da forno e con uno stampino tondo per i biscotti si preparano i dischetti di formaggio. Si toglie lo stampino, si mette il bastoncino e per fissarlo si copre con un po' di formaggio.
Si cuociono in 5 minuti a 200 gradi.

Baked Oatmeal

Baked oats IMG_1581


Mi sono ricordata di avere un blog :)
Sono passati due anni e sono successe tante cose, troppe! Tra un pensiero e l'altro solo domenica sono riuscita a trovare il tempo per tornare qui.
Ho cucinato per due giorni e, approfittando del caldo torrido, ho acceso il forno a 180 gradi per ben due volte! Mi sembrava di buon auspicio fare questo sacrificio, speravo che dopo tutto il caldo sofferto, sarei stata ricompensata. Scherzo, eh?! Non voglio essere superstiziosa...
Comunque è andato tutto meravigliosamente bene, forse meglio che in passato, mi sono divertita ed ho mangiato tanto perché era tutto così buono! E poi c'è stato anche il finale a sorpresa perché ho imparato qualcosa di più sulla mia Canon, toccando i tasti a caso ovviamente!!! Niente di studiato :)
Vi lascio il link alla ricetta, trovata sul sito di Martha Stewart, ma è di Heidi Swanson, la mia food blogger preferita. È qualcosa di nuovo per me, non mi viene in mente nulla di simile nella cucina italiana. Ha un sapore delicato, poco dolce, soffice e adatto alla colazione. Tanto buono!

Song of the day: With a little luck, nella versione mix del Pre Show Out There, per chi la conosce...fantastica!

Baked oats 2 IMG_1539

Ingredienti:
45 gr burro
180 gr fiocchi di avena
50 gr mandorle, tostate e tritate
65 gr zucchero di canna
1 cucchiaino lievito
1/2 cucchiaino sale
1 1/2 cannella
1/2 litro di latte
1 uovo
2 cucchiaini estratto di vaniglia
2 banane
300 gr fragole e mirtilli

Baked oats collage

Baked oats 3 IMG_1515

Preriscaldare il forno a 190 e imburrare una teglia quadrata di 20 cm.
Mescolare in una ciotola i fiocchi di avena, le mandorle, lo zucchero, il lievito, il sale e la cannella.
In un'altra ciotola mescolare il latte, l'uovo, metà del burro e l'estratto di vaniglia.
Tagliare la frutta a fettine e disporne una metà sul fondo della teglia.
Coprire con i fiocchi di avena.
Versare il composto liquido sui fiocchi e coprire con il resto della frutta.
Cuocere per 35/40 minuti. Lasciare raffreddare leggermente e poi aggiungere il burro e un po' di sciroppo d'acero. In alternativa del miele andrà benissimo, io ho usato lo sciroppo di riso.

martedì 16 aprile 2013

Pasta con zucca e bieta

Pasta zucca e bietaIMG_1073


Non si vive di solo tour...ma quando si riceve l'annuncio ufficiale si pensa spesso a quel giorno :)
Da una parte vorrei che non arrivasse mai, quei momenti finiscono troppo presto ma...mi vengono in mente le parole di George Harrison, All things must pass. 
Non è un pensiero triste il mio, è una constatazione e per ora voglio pensare solo alle cose belle: rivedrò Paul e tante persone a cui voglio bene come le mie sorelle Manu e Pat e spero tanto di incontrare tutte le amiche della pagina Facebook di Tiziana dedicata al nostro mito, loro sono divertentissime, molto dirette e "obiettive" quando si parla di Paul! :-D 
Oggi è una bella giornata, l'inverno è finito, è il mio compleanno e sono felice. Mi sono svegliata alle 4 perché faceva molto caldo e Gianni ne ha approfittato per darmi il primo regalo, il libro di Davies, Le lettere di John Lennon. Ho subito iniziato a leggerlo ma me lo ha tolto e mi ha detto "ora dormi, lo leggi di giorno" :)
La foto di oggi ha dei colori brillanti, mi mette allegria! Un saluto a tutti i miei amici, il mio cellulare squilla in continuazione, grazie a tutti degli auguri!

Libro JohnIMG_1482

Song of the day: Birthday

Ingredienti per 4 persone

olio d'oliva
1 spicchio d'aglio
1 cipolla
timo
300 gr penne integrali
400 gr bieta rossa
350 gr zucca butternut
200 ml brodo vegetale bio
1 cucchiaio tahini
formaggio di capra grattugiato

BietaIMG_1029

In un tegame mettete l'olio, l'aglio, la cipolla tagliata sottile e fate rosolare per qualche minuto. Aggiungere la zucca  e i gambi della bieta tagliati a cubetti. Dopo qualche minuto unire il brodo, tenendone da parte qualche cucchiaio e cuocere le verdure a fuoco alto girandole spesso. In ultimo aggiungere le foglie della bieta, il timo, il brodo e terminare la cottura. Mescolare il tahini con le verdure, aggiungendo un pò di brodo o di acqua se necessario. Condire la pasta con le verdure e il formaggio.

English version coming soon....

domenica 10 marzo 2013

Crocchette di spinaci, ricotta e cannella


Crocchette spinaci cannella IMG_1412


Quando ho tanto bisogno di complimenti dagli ospiti preparo le crocchette di spinaci e cannella. 
È troppo, troppo gratificante vedere la loro espressione soddisfatta mentre assaggiano la prima crocchetta, poi ci sarà la seconda, è sicuro e per qualcuno anche la terza o di più. Poi inizia il rito del "secondo me c'è", tutti giocano a indovinare gli ingredienti e alla fine arrivo io che svelo il grande segreto e spiego la ricetta :-D
La prima volta che ho preparato queste polpette sono partita da una base semplice: ricotta, limone e parmigiano, un ripieno che avevo già provato per la ricetta dei funghi al forno di Jamie Oliver.
Però volevo aggiungere qualcosa, volevo essere creativa :-) e così ho pensato di provare con le spezie, la cannella è stata una delle prime perché a me piace di più nei piatti salati che nei dolci. Ne ho messa un po' ma non sapevano di molto, quindi ne ho aggiunto un altro po' e mi è piaciuta. Poi ho pensato che ogni tanto bisogna esagerare e ho continuato a metterne ancora fino ad arrivare ad una quantità appunto esagerata e visto che mi sembravano veramente buone mi sono fermata, quindi esagerate con la cannella.
La mia cavia, un'amica che detesta cucinare, le ha trovate buonissime tanto che ha chiesto a sua madre assistenza per ripetere la ricetta, ma l'esperimento non è andato bene, poi vi dirò perché. 
Insomma, ogni volta che le ho preparate, come vi dicevo, ho sempre ricevuto tanti complimenti, così tanti che mi sono anche chiesta: forse è perché non c'è altro di meglio da mangiare?
Ma ultimamente un'amica ha confessato di averne mangiate sette, altre hanno portato a casa quelle avanzate e altre ancora mi hanno chiesto di scrivere la ricetta. Ok, non sono una che si vanta ma a questo punto penso di poter dire che sono buone :-)
È divertente, se ci pensate, vedere una reazione così positiva per una ricetta così semplice, elementare. Ci sono persone che passano ore in cucina per preparare piatti complicatissimi e magari non hanno riscontri così brillanti. Questa cosa mi sorprende sempre.
Per concludere: la ricetta è semplice ma prima di mescolare gli ingredienti non dimenticate di seguire le indicazioni, altrimenti le crocchette si romperanno durante la cottura. 

Song of the day: Let Me Roll It

Ingredienti per 15 crocchette

250 gr di spinaci freschi o surgelati in foglia
400 gr di ricotta
3 cucchiai di parmigiano
scorza di un limone
2 o 3 cucchiai di cannella 
1 uovo

Ho cotto gli spinaci, a cui ho aggiunto solo il sale, in un tegame antiaderente. Li ho scolati, passati in acqua fredda e li ho strizzati per eliminare il più possibile l'acqua di cottura. Li ho messi in una ciotola, ho aggiunto gli altri ingredienti e mescolato il tutto. Dopodiché ho formato le crocchette, schiacciandole un po', così si cuociono più uniformemente. 
Suggerimenti per la preparazione e la cottura:
affinché le crocchette non si rompano l'impasto di ricotta e spinaci deve essere molto asciutto perché quando si aggiunge l'uovo diventa cremoso ed è difficile formare le crocchette. Ho usato sia ricotta di mucca che di pecora, è indifferente, anche in questo caso è più importante scegliere quella che vi sembra più compatta.
Se necessario la lascio scolare oppure la metto in piatto largo e la asciugo con carta da cucina. Lo stesso vale per gli spinaci.
Fino a ieri le ho sempre cotte nel tegame, mettendo un po' più di olio del solito, circa tre o quattro cucchiai. Ieri ho voluto provare la cottura nel forno, 10 min a 180 gradi. Dopodiché le ho passate un minuto nel tegame ma con meno olio. È una versione più leggera e sono venute bene. Potete anche cuocerle solo nel forno ma per quanto riguarda il sapore, soprattutto se avete ospiti, vi consiglio di saltarle in padella perché così sono molto più buone.

English version coming soon....